Porti

roma 31 maggio 2020

Porti internazionali uniti per assicurare traffico merci

A rappresentare l’Associazione dei Porti Italiani, il presidente dell'Adsp veneta Pino Musolino

31 maggio 2020 - roma - Alla luce delle criticità nel mantenere i flussi di traffico merce a livello internazionale degli scali portuali, nello scorso mese di aprile 20 porti internazionali hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta che assicura il pieno funzionamento dei porti.
Nelle scorse settimane, i porti aderenti sono diventati più di 50 in tutto il mondo, attraversando l’Asia, l’Oceania, il Medio Oriente, l’Africa, l’Europa e il continente americano.

La dichiarazione è stata firmata sia per mantenere i porti pienamente aperti al traffico marittimo che per fornire supporto logistico durante l’emergenza sanitaria da COVID-19.
I firmatari si sono impegnati a lavorare insieme per assicurare l’accoglimento delle navi, garantendo le operazioni portuali e mantenendo il flusso di merci nel mondo.
Inoltre, i firmatari si sono impegnati a scambiare buone pratiche e condividere le esperienze e le misure di ciascuno nel far fronte alla pandemia in atto.

Venerdì si è svolta una prima riunione in video conferenza con rappresentanti di tutti i porti che hanno firmato, per confrontarsi sulle problematiche riguardanti l’emergenza sanitaria.
A rappresentare l’Associazione dei Porti Italiani, il Presidente Pino Musolino che ha la delega per le relazioni internazionali, il quale è intervenuto con una relazione articolata, ricordando, tra l’altro che:

“I porti italiani stanno affrontando la peggiore crisi degli ultimi 70 anni ma, anche grazie all'impegno di terminalisti, piloti, agenti, trasportatori, hanno continuato a lavorare per sostenere il sistema Paese adottando ovviamente le misure necessarie per permettere ai lavoratori di operare in sicurezza. È chiaro che, almeno nel breve periodo, sarà necessario puntare al recupero, il più rapido possibile, del through-put di merci e passeggeri azzerato, o quasi, dal Covid-19. Ma nel medio e lungo periodo, se vogliamo puntare ad una portualità in grado di resistere e superare shock esogeni, dobbiamo immaginare una relazione sempre più stretta e sinergica fra produzione, logistica, portualità e sostenibilità. Una strategia da condividere a livello globale. In questo senso l’iniziativa di oggi ha un grande valore perché sancisce, a livello internazionale, un'alleanza di vedute e visioni da parte dei maggiori porti mondiali."


© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Porti

ravenna / Cosco minaccia di lasciare Genova e 'studia' Ravenna 03/07/2020

Particolarmente apprezzati gli investimenti ferroviari in corso

roma / Gentile: "Sull'autoproduzione servono regole chiare e condivise" 02/07/2020

Per il presidente di Assologistica "il rispetto delle norme è un elemento impres ...

ravenna / Più giornate di lavoro garantite per i 96 lavoratori somministrati 30/06/2020

Siglato l'accordo, passano da 8 a 26. Dall'Osso (Felsa Cisl Romagna): "Grazie a tutta ...

Interviste ed Eventi

interviste / Fabbri (ITL): “Subito al lavoro sulla ZLS” 21/05/2020

interviste / Licciardi (ANACER): 'Import cereali in tensione per la situazione internazionale e la logistica" 16/03/2020

interviste / Maioli (Dinazzano PO): “Accelerare sul ferrobonus” 15/03/2020

interviste / Rosetti (CONSAR): “Situazione incerta e preoccupante. Contro il Coronavirus serve una regia unica” 14/03/2020

interviste / Corsini (Regione E.R.): “Buone notizie per i 2 scali merci e riprendiamo l’idea della E55" 13/03/2020

AngopiSimapSecomarambienteTCR Servizi tecnico-nauticiSfacsLe Navi - SeawaysIntercontinentalCSRGrimaldiMacportTramacoSpedizionieri internazionali RavennaCorship spaAgmarConsar RavennaCompagnia Portuale RavennaCassa di Risparmio di RavennaAcmarcz lokoCNA RavennaT&CSersCiclatErmareNadepCasadei GhinassiColumbia TranspostCNA ImpreseRomagna AcqueConfartigianato RavennaMartini VittorioFioreExportcoopviamarBper