Porti

ravenna 11 giugno 2019

Il fondo F2i interessato alla Setramar

Dopo l'acquisto del Gruppo Porto di Carrara Spa il manager Ravanelli guarda a Ravenna

11 giugno 2019 - ravenna - F2i, il maggiore fondo infrastrutturale italiano, ha nel mirino anche terminal del porto di Ravenna. In particolare si è concentrato sulla Setramar. Il fondo di investimento guidato da Renato Ravanelli, ha acquisito il Gruppo Porto di Carrara spa, che detiene terminal nei porti di Carrara, Marghera e Massa Carrara. Prossimi obiettivi, oltre alla Setramar, società portuali di Livorno, Savona, Monfalcone e Napoli.
"F2i ha deciso di entrare nel settore dei terminali portali per rinfuse perché si tratta di un’infrastruttura vitale per l’approvvigionamento delle filiere industriali italiane e uno snodo strategico per l’attività economica del Paese» ha spiegato Renato Ravanelli, amministratore delegato del fondo F2i all’annuncio dell’acquisizione del Gruppo Porto di Carrara Spa. Il fondo ha tra i suoi azionisti fondazioni di origine bancaria, casse di previdenza, fondi pensione e istituzioni bancarie, nazionali e internazionali. "Si tratta di un comparto frammentato - ha aggiunto il manager riferendosi ai terminal per rinfuse – con molti operatori di piccole dimensioni: F2i, fedele alla sua missione di aggregatore in settori strategici per la nostra economia, si candida a creare un campione nazionale a controllo e gestione italiana, che garantisca anche la neutralità d’accesso a infrastrutture strategiche quali i porti. Anche alla luce dell’impatto che avrà sugli scambi internazionali via mare la Belt and Road Initiative in cui l’Alto Adriatico rappresenta uno snodo cruciale".
F2i, acronimo di Fondi italiani per le infrastrutture, è una società di gestione del risparmio fondata nel 2007. E’ il più grande fondo chiuso in Italia e uno dei maggiori in Europa, grazie alla gestione di asset per circa 5 miliardi di euro investiti in settori chiave dell’economia italiana: aeroporti, energie rinnovabili, distribuzione del gas naturale, ciclo idrico integrato, telecomunicazioni, reti logiche, sanità.


© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Porti

roma / La Commissione europea: import acciaio extraUe cresca del 3% 03/06/2020

Nonostante le richieste di Eurofer e del Governo italiano. Il porto tira un sospiro ...

ravenna / Arrivano i dazi americani su mais, sorgo e segale 01/06/2020

Nel quadrimestre traffici in calo del 17%, in aprile - 28,9%

roma / Porti internazionali uniti per assicurare traffico merci 31/05/2020

A rappresentare l’Associazione dei Porti Italiani, il presidente dell'Adsp veneta ...

BLUE ECONOMY

Interviste ed Eventi

interviste / Fabbri (ITL): “Subito al lavoro sulla ZLS” 21/05/2020

interviste / Licciardi (ANACER): 'Import cereali in tensione per la situazione internazionale e la logistica" 16/03/2020

interviste / Maioli (Dinazzano PO): “Accelerare sul ferrobonus” 15/03/2020

interviste / Rosetti (CONSAR): “Situazione incerta e preoccupante. Contro il Coronavirus serve una regia unica” 14/03/2020

interviste / Corsini (Regione E.R.): “Buone notizie per i 2 scali merci e riprendiamo l’idea della E55" 13/03/2020

SecomarCNA ImpreseAngopiConsar RavennaFioreCompagnia Portuale RavennaErmareBperCSRBanca Popolare di RavennaTramacoRomagna AcqueAgmarCiclatCassa di Risparmio di RavennaMacportLe Navi - SeawaysOLYMPIA DI NAVIGAZIONESersMartini VittorioviamarIntercontinentalConfartigianato RavennaColumbia TranspostTCR Corship spaCasadei GhinassiExportcoopNadepambienteSpedizionieri internazionali Ravennacz lokoCNA RavennaT&CSfacsServizi tecnico-nauticiSimap