Porti

venezia 13 febbraio 2020

Porto, imprese e lavoratori in piazza

Manifestazione contro la burocrazia e l'indecisione: non si scava e non ci sono scelte sulle crociere. Intervista a Pino Musolino, presidente dell'AdSP

13 febbraio 2020 - venezia - Manifestazione di protesta, a Venezia, a sostegno del porto. La burocrazia e le mancate scelte impediscono la manutenzione dei canali e una decisione finale sul transito delle navi da crociera.

Non si tratta di una sollevazione popolare - ha detto in apertura dell'evento, Alessandro Santi, presidente degli agenti marittimi veneti e noto imprenditore con la Sagem - ma certo di un’inversione di rotta: per la prima volta tutte le principali associazioni imprenditoriali e le organizzazioni rappresentative del lavoro si sono unite per lanciare un messaggio inequivocabile: “E se rovesciamo Venezia?”, è indicativo della volontà di rovesciare il tradizionale punto di vista verso la città, la sua laguna e il territorio. Vorremmo cambiare lo sterile approccio alle problematiche, ma specialmente alle prospettive di Venezia, consentendo di tracciare una rotta nuova che, dal passato, traghetti la città e il territorio verso un futuro. Venezia è patrimonio del mondo, ma, specialmente, crediamo che lo sia di chi ci vive e lavora, cresce la sua famiglia, produce reddito e paga le tasse, il tutto nel rispetto di norme e leggi.

E il primo frutto di questa “alleanza” veneziana è la difesa a spada tratta del ruolo storico di Venezia in quanto città-porto, una città che, per storia, tradizione, cultura e forza economica e occupazionale attuale non può e non potrà mai prescindere dall’esistenza di un porto e dal suo ruolo sulle rotte internazionali.

Di qui la scelta attuata da tutti i vertici delle associazioni imprenditoriali e sindacali, e patrocinata dall’associazione Agenti Marittimi, di sottoscrivere un “manifesto” destinato a dettare regole e strategia nel rispetto della sostenibilità per il futuro della città e del suo porto".

Il presidente dell'AdSP del mare Adriatico settentrionale, Pino Musolino: "Chiediamo di lavorare. Mi sembra un desiderio molto semplice. Sappiamo farlo, rispettando la sostenibilità. Se il porto di Venezia non funziona, ci rimetterà tutta  l'economia del Nord Est".

Clicca qui per l'intervista a Pino Musolino.

In prima fila i massimi livelli di Confetra: il presidente e il vicepresidente Guido Nicolini e Silvia Moretto.


© copyright Porto Ravenna News
CONDIVIDI

Altro da:
Porti

roma / La Commissione europea: import acciaio extraUe cresca del 3% 03/06/2020

Nonostante le richieste di Eurofer e del Governo italiano. Il porto tira un sospiro ...

ravenna / Arrivano i dazi americani su mais, sorgo e segale 01/06/2020

Nel quadrimestre traffici in calo del 17%, in aprile - 28,9%

roma / Porti internazionali uniti per assicurare traffico merci 31/05/2020

A rappresentare l’Associazione dei Porti Italiani, il presidente dell'Adsp veneta ...

BLUE ECONOMY

Interviste ed Eventi

interviste / Fabbri (ITL): “Subito al lavoro sulla ZLS” 21/05/2020

interviste / Licciardi (ANACER): 'Import cereali in tensione per la situazione internazionale e la logistica" 16/03/2020

interviste / Maioli (Dinazzano PO): “Accelerare sul ferrobonus” 15/03/2020

interviste / Rosetti (CONSAR): “Situazione incerta e preoccupante. Contro il Coronavirus serve una regia unica” 14/03/2020

interviste / Corsini (Regione E.R.): “Buone notizie per i 2 scali merci e riprendiamo l’idea della E55" 13/03/2020

viamarMartini VittorioRomagna AcqueCorship spaMacportBanca Popolare di RavennaConfartigianato RavennaLe Navi - SeawaysSersSpedizionieri internazionali RavennaCNA ImpreseTramacoExportcoopAgmarNadepCiclatServizi tecnico-nauticiSecomarErmareSimapConsar RavennaCasadei GhinassiOLYMPIA DI NAVIGAZIONECSRBperCNA RavennaCompagnia Portuale RavennaambienteIntercontinentalTCR SfacsFioreT&CColumbia TranspostCassa di Risparmio di Ravennacz lokoAngopi