sicurezza e cambiamento

Interviste

ravenna 22 luglio 2022

Mingozzi TCR: “È necessaria una piattaforma del freddo”

22 luglio 2022 - ravenna - A giudicare dai dati del primo semestre, la movimentazione delle merci nel nostro porto è in crescita, anche i container hanno lo stesso trend? 

Lo abbiamo chiesto a Giannantonio Mingozzi, presidente del Terminal Container Ravenna.

“Il nostro traffico presenta dati positivi e incrementa sia rispetto al 2021 che agli anni pre-Covid, ma occorre sempre essere cauti perché ogni sintomo di difficoltà dell'economia e delle ripresa italiana ed europea può provocare ripercussioni negative e qualche incertezza dovuta anche alle dimissioni del Governo Draghi e alle imminenti consultazioni elettorali.

L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia incide in minima parte sul traffico containerizzato, mentre è positivo che i principali operatori, a partire dal Gruppo Sapir, abbiano trovato alternative di approvvigionamento di argilla, feldspati e sabbie capaci di sostituire le forniture dall'Ucraina oggi bloccate e garantire i materiali all'industria della ceramica emiliana e faentina. Come Tcr ci auguriamo che il miglioramento dei fondali, a partire dai 12,50, i lavori sulla "spiaggetta" e l'avvio del nuovo Hub proseguano nei tempi annunciati e non possiamo dimenticare che in Trattaroli è previsto il nuovo Terminal Container che, per i nostri azionisti, costituisce un impegno non di poco conto”.

Tcr ha appena inaugurato una nuova gru di banchina e celebrato i primi 20 anni di attività: una coincidenza di buon auspicio per altre novità?

“Un investimento di oltre 8 milioni per la nuova gru non può essere considerato "normale amministrazione”, ma ci consente oggi, con quattro gru, di offrire servizi di imbarco e sbarco con tempi competitivi e capaci di rispondere alle esigenze delle linee e delle compagnie che scelgono il nostro terminal; è il risultato di 20 anni di lavoro e della credibilità che dipendenti e dirigenti hanno saputo conquistare, con attenzione all'efficienza e alla sicurezza sul lavoro che non va mai dimenticata. Mi auguro che unitamente a Regione, istituzioni locali e associazioni di impresa del settore ortofrutticolo, il porto di Ravenna riesca a realizzare in tempi brevi una piattaforma per il freddo e per la containeristica reefer della quale avvertiamo un bisogno assoluto. 

Proprio  la mancanza di questa struttura sta causando perdita di volumi a favore dei porti nostri competitor e l'impossibilità di conquistarne nuovi.  È quindi una delle esigenze più urgenti e più necessarie per un porto come il nostro sensibile alla storia del mondo agricolo romagnolo e intento a offrire sempre nuove soluzioni logistiche per le imprese dell'Emilia e di tutta Italia”.

A proposito di infrastrutture, il ferro mantiene gli impegni a partire dal Fast Corridor ferroviario TCR-Marzaglia, e per la gomma?

“È positivo che nasca in Tcr il primo corridoio ferroviario ravennate che, con un treno Msc, arriva all'interporto di Marzaglia, a Modena, caricando direttamente i container dalla nave al treno e sdoganando all'arrivo di Marzaglia; tutto questo grazie al grande impegno profuso dall'Agenzia interregionale delle Dogane e da quella ravennate guidate rispettivamente da Franco Letrari e Giovanni Mario Ferente, dalla Guardia di Finanza ravennate e dal suo comandante Col. Andrea Mercatili e da tutte le realtà operative coinvolte. Purtroppo, il recente incidente che ha coinvolto treno e camion nel tratto che attraversa il porto sta causando ritardi nel ripristino della piena funzionalità e della segnaletica di sicurezza e ciò sta provocando la cancellazione di treni con ripercussioni negative sul traffico ferroviario destinato ai terminal portuali. Per quanto concerne il traffico su gomma, che rappresenta la percentuale più alta del traffico containeristico, debbo dire che l'annuncio dell'assessore regionale Corsini dell'ampliamento della Classicana nel tratto da Classe al porto rappresenta una bella novità utile in particolare agli autoarticolati; rimane ancora "inevasa" la necessità di migliorare il traffico verso il nord con una alternativa credibile alla Romea, e almeno la "nuova Adriatica" che in parte ripercorre il progetto della Ravenna-Mestre può essere una soluzione parziale, purché non rimanga ancora sulla carta”.

Tcr oggi lavora con nuove linee che hanno scelto Ravenna per raggiungere destinazioni internazionali, una soddisfazione?

“Ogni nuovo servizio rappresenta una conquista per noi, senza dubbio raccogliamo i risultati assai soddisfacenti derivanti anche dall'importante lavoro svolto sul fronte marketing e commerciale.

L'azienda è, infatti, oggi maggiormente conosciuta sia a livello nazionale che internazionale e ha migliorato il proprio posizionamento strategico sul mercato. Le compagnie di navigazione apprezzano la professionalità e la specializzazione di Tcr e la varietà di servizi a valore aggiunto che il terminal può offrire all'interno delle proprie aree”.


© copyright Porto Ravenna News

CONDIVIDI

Interviste ed Eventi

interviste / Cozza (Cisl): «Dal porto di Ravenna 1 miliardo annuo allo Stato Ma alla carenza di organico della Dogana non pensano»

Cozza (Cisl): «Dal porto di Ravenna 1 miliardo annuo allo Stato Ma alla carenza di organico della Dogana non pensano»

interviste / Cirilli (Petrokan) Secomar e Ambiente Mare nell'orbita Itelyum

Cirilli (Petrokan) Secomar e Ambiente Mare nell'orbita Itelyum

interviste / Rossi (AdSP) “Gli investitori attratti dalla strategicità del nostro porto. Acceleriamo sull’escavo”

Rossi (AdSP) “Gli investitori attratti dalla strategicità del nostro porto. Acceleriamo sull’escavo”

interviste / Export con il nuovo Terminal Container un ruolo di primo piano

Export con il nuovo Terminal Container un ruolo di primo piano

interviste / La coesione del cluster portuale supererà ogni difficoltà

La coesione del cluster portuale supererà ogni difficoltà

Romagna AcqueSpedizionieri internazionali RavennaColumbia TranspostLe Navi RavennaviamarGrimaldiMacportAngopiCorship spaCiclatSagemNadepConsar RavennaBperItalmetdonelliSecomarSfacsCasadei GhinassiFioreConfartigianato RavennaTCR CSRAcmarAgmarSersFedepilotiMartini VittorioConfcommercio RavennaCompagnia Portuale RavennaTramacoArco LavoriT&CServizi tecnico-nauticidragaggiCNA partiExportcoopIntercontinentalCassa di Risparmio di RavennaOlympia